Piuttosto che morire m'ammazzo
Guido Catalano
7v3MLV_r-KaLltnz
Italian 04/07/2016
Editor: Miraggi Edizioni  
21 reads 1 Embed
Abstract
Si può fare i poeti senza essere poeti? Si può non fare i poeti ed esserlo? Cosa significa essere poeta? Qual è la differenza tra essere poeta e fare il poeta? Il pessimo poeta è comunque poeta in quanto poetizza? Chi lo dice, sa di esserlo? E soprattutto chi può dirlo? Pur non essendo io un Ente, posso riuscire a farmi devolvere l’otto per mille sul conto corrente in quanto poeta? Basta affermare di essere poeta o bisogna ottenere una maggioranza relativa? Cosa avrebbe risposto Henry Sidgwick all’affermazione «Sandro Bondi è un poeta»? Chi è Henry Sidgwick? Ecco, questa è solo una piccola percentuale delle domande che mi pongo da anni prima di andare a letto o mentre faccio la pipì nei bagni dei bar che frequento.
Login to read
click here
Reading options

A A A A A
fullscreen
  Search Phrase  
Reviews
M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M M
Load more
Index
M M M M M M M M
io non so
alcolicomalinconica
malincogatto portami via
alla ragazza che mi rende felice in questo periodo di recessione economica
bim bum bomba
buongiorno
​cane calmo
che i baci siano gl’ultimi a morire
breve dialogo tra un uomo e una donna durante il quale l’uomo confessa alla donna di masturbarsi pensandola, alla donna va bene
​che son finite le ragazze
14 minuti
come stanno veramente le cose
dormire da solo
Fernando
​fu grazie a lei che capii
​i nostri occhi
​i primi secondi dopo il risveglio
​i tram di notte non schiacciano nessuno
​immagina il cemento
ciao, addio, addio, ciao
io una volta amai una gatta
​l’unico vento che sento
​la bambina che contava le gocce di pioggia
​la difficoltà del dirti t’amo
​la domenica pomeriggio
la fine arriverà come una pallonata negli occhiali scagliata da un bambino obeso alle quindici circa di un pomeriggio assolato in un prato secco di periferia e
lettera d’amore
​io lo so
​ma siamo così lontani
mi avvalgo della facoltà
dialogo tra una donna e un uomo di una tristezza
​non schivare i miei baci
ottimismo d’inverno
poesia magica per farti tornare allegra
​questa non è una richiesta d’aiuto
​ragazza che sbucciavi le ciliegie
ragazza che stendi le noci ad asciugare al davanzale
rondini
Sandra
​sapevi tutto
brevissimo dialogo d’amore nel quale l’uomo canna l’inizio e da lì in poi malinteso e imbarazzo la fanno da padrone
​se ti muoio addosso
​stanotte ho sognato i topi
stanotte ho sognato le api
​ti bacio in contumacia
​ti ho vista
​tra ventun giorni è Natale
​tu non hai il senso
​tutta la verità, nient’altro che la verità,
​su quella panca di pietra in piazza
tutti al mare
​una tazzina di caffè in due
​breve dialogo tra una donna e un uomo sull’uso sbagliato del saluto ciao con finale in gelosia aggressiva
da casa tua
​come dici no tu, nessuna
che poi dipende di cos’hai bisogno
dov’è la poesia?
​l’ultimo treno per la California
​l’uomo che fotografava la gente che dorme
​uomini che più lacrime non hanno
piuttosto che morire m’ammazzo
​troppa carne al fuoco per un uomo solo
​tempi
​il sottopasso giallo della notte
e ti ci porto
​buonanotte allora, e allora buonanotte
dichiarazione bomba
​l’unica cosa un po’ squisita
isolata
​i pesci non hanno le unghie
questa è la fine (signor tassista)
​Miraggi edizioni
THE END


Bookmark options

  Add bookmark at this word