Che fare, quando fare, se fare
Pareti - Zippo
b45G0-4zzFQ9NZ_p
Italian 01/09/2016
Editor: Rosenberg & Sellier  
2 reads 0 Embed
Abstract
Ha ancora senso, oggi, il dibattito classico sul libero arbitrio, frutto più di preoccupazioni teologiche che non di dilemmi morali? Perché i filosofi, e sovente persino gli scienziati, considerano il cervello un rozzo substrato materiale, che senza l’apporto dell’homunculus non sembra rivestire alcun ruolo ai fini della scelta e della libera decisione? È ancora possibile sostenere la tesi della consapevolezza dell’agire volontario, se esistono prove di processi determinanti inconsci in aree corticali? “Coscienza” e “volontà” sono stati tra di loro inscindibili? Sono alcuni dei quesiti al centro di questo studio, che si propone di offrire un contributo al dibattito attuale su intenzioni, decisioni e azioni, facendo emergere il ruolo dei meccanismi corticali coinvolti nell’atto volontario e consapevole, con particolare riferimento ai risultati delle recenti ricerche neuroscientifiche, che hanno rivitalizzato la discussione sul tema avviata negli anni Ottanta dagli esperimenti pionieristici di Benjamin Libet.
Germana Pareti. Docente ordinario presso l’Università di Torino dove insegna Storia della filosofia e Filosofia della mente.
Antonio G. Zippo. Ricercatore presso l’Istituto di Bioimmagini molecolari e fisiologia del cnr di Segrate (Milano).
Login to read
click here