Con mezzi propri
Sandra Luigia Rebecchi
0x147uk2IeUI7Br2
Italian 10/01/2017
Editor: Nulla Die  
Tags:
0 reads 0 Embed
Abstract
“Gli insegnanti si sentono padreterni. Lavorano poco, sono sempre in vacanza, si lagnano dei bassi salari! Assenteisti senza vergogna e incapaci: perciò gli studenti italiani sono così impreparati.” “La prof ce l’ha con mio figlio… Non capisce che il ragazzo ha i suoi problemi? Possibile non se ne accorga? E sì che ci parlo ogni quindici giorni…” “Cosa pretende il prof da noi ragazzi? Non sa che oltre la scuola c’è altro nella vita?” Chiunque si ponga questioni del genere merita una risposta. Si tratti di un ministro, di un genitore, di uno studente, di chi legga su un quotidiano l’ennesima critica nei confronti della scuola. Volete sapere come trascorre le giornate un insegnante di scuola superiore? Come conquista il suo posto di lavoro? Come si forma realmente? Come stabilisce un contatto con gli adolescenti? Quali difficoltà incontra? Fare l’insegnante può essere considerato un lavoro usurante? E i ragazzi di oggi sono diversi da quelli di una trentina di anni fa? Qual è il loro linguaggio? Come vedono la scuola? Cosa si aspettano dai professori? In questo testo è proprio un’insegnante a cercare di fornire delle risposte, raccontandosi con sincerità e ironia.
Login to read
click here